19 Ottobre 1993

A una settimana dalla pubblicazione su vinile, la Epic Records distribuisce VS. anche in formato CD in Nord America.

Tim Bierman: Ero il proprietario di un negozio di dischi di Missoula, nel Montana, chiamato Rockin’ Rudy’s Record Rental. Essendo Jeff di Missoula, anche lì la frenesia per i PJ era arrivata alle stelle, come in qualunque altro posto. Per l’uscita di Vs. abbiamo organizzato un party di mezzanotte, e c’erano fuori centinaia di persone in fila fuori dal negozio. Abbiamo venduto circa 400 copie. Jeff mi ha chiamato dopo mezzanotte per sapere com’era andata e io ho rivolto il telefono verso la folla che stazionava fuori dal negozio. Hanno iniziato a cantare, gridare e fargli i complimenti. Trattandosi di una piccola città del Montana, è stato pazzesco.

Michele Anthony: Io e Michael Goldstone quell’estate abbiamo girato l’Italia per mettere insieme l’artwork e i testi dell’album, che la band scriveva a mano. Alla fine delle date italiane, non ci eravamo ancora riusciti, così li abbiamo dovuti seguire prima a Londra, poi in Irlanda. Alla fine, Tommy Mottola, presidente della Sony, ci ha detto: Mica potete passare il vostro tempo girando il mondo con i PJ. Eravamo preparati a tornare a mani vuote, quando Eddie ha promesso che avrebbe consegnato il materiale il mattino in cui saremmo dovuti partire. E così è stato: quella mattina, alle 8 in punto, ci siamo incontrati nel caffè dell’hotel e ha mantenuto fede alla promessa. Ho riportato tutto a New York in una valigetta, neanche fossero stati documenti segreti della CIA.