Vedder in Europa Estate 2012

25 Luglio – Amsterdam, Carre Theatre

26 Luglio – Amsterdam, Carre Theatre

28 Luglio – Manchester, 02 Apollo Manchester

30 Luglio – London, HMV Apollo Hammersmith

31 Luglio – London, HMV Apollo Hammersmith

3 Agosto – Zambujeira Do Mar, Sudeste Festival TMN

 

Setlist: Can’t Keep, Sleeping By Myself, Without You, Broken Heart, Trouble (Cat Stevens), Sometimes, Far Behind, No Ceiling, Guaranteed, Rise, You’ve Got To Hide Your Love Away (Beatles), Light Today, Man Of The Hour, Thumbing My Way, I Am Mine, Brain Damage (Roger Waters), Dead Man, Unthought Known, Better Man (Lullaby Version), Good Woman (Cat Power), Parting Ways, Porch
Encore 1: Society (Jerry Hannan, w/ Glen Hansard), Sleepless Nights (Boudleaux Bryant, Felice Bryant, w/ Glen Hansard), Falling Slowly (Hansard, Irglová, w/ Glen Hansard), Open All Night (Bruce Springsteen), Arc
Encore 2: Hard Sun (Peterson, w/ Glen Hansard)

Setlist: Walking The Cow (Daniel Johnston), Wishlist, You’re True, Goodbye, More Than You Know (Rose, Eliscu, Youmans), Soon Forget, Elderly Woman Behind The Counter In A Small Town, Driftin’, Setting Forth, Far Behind, Guaranteed, Rise, Long Nights (w/ Glen Hansard), Immortality, Just Breathe, Unthought Known, Better Days
Encore 1: BUGS, Society (Jerry Hannan, w/ Glen Hansard), Sleepless Nights (Boudleaux Bryant, Felice Bryant, w/ Glen Hansard), Falling Slowly (Hansard, Irglová, w/ Glen Hansard), Forever Young (Bob Dylan), The End, Rockin’ In The Free World (Neil Young)
Encore 2: Hard Sun (Peterson, w/ Glen Hansard and Mirella), Dream A Little Dream (Gus Kahn, Wilbur Schwandt, Fabian Andree)

Setlist: Don’t Be Shy (Cat Stevens), I Am Mine, Can’t Keep, Sleeping By Myself, Without You, Satellite, Sometimes, Picture In A Frame (Tom Waits), Untitled, Off He Goes, Far Behind, No Ceiling, Guaranteed, Rise, Long Road, Better Man (Lullaby Version), Unthought Known, Speed Of Sound, Lukin, Porch
Encore 1: Small Town, You’ve Got To Hide Your Love Away (Beatles), Society (Jerry Hannan, w/ Glen Hansard), Sleepless Nights (Boudleaux Bryant, Felice Bryant, w/ Glen Hansard), Falling Slowly (Hansard, Irglová, w/ Glen Hansard), Crazy Mary (Victoria Williams), The End, Arc
Encore 2: Rockin’ In The Free World (Neil Young), Hard Sun (Peterson, w/ Glen Hansard)

Setlist: Walkin’ The Cow (Daniel Johnston), Trouble (Cat Stevens), Can’t Keep, Sleepin’ By Myself, Without You, More Than You Know (Rose, Eliscu, Youmans), Broken Heart, I Am Mine, Brian Damage (Roger Waters)/Dead Man, Small Town, Setting Forth, Far Behind, Guaranteed, Rise, Long Nights (w/ Glen Hansard), Good Woman (Cat Power), Better Man (Lullaby Version), You’ve Got To Hide Your Love Away (Beatles), Lukin, Porch
Encore 1: Unthought Known, Society (Jerry Hannan, w/ Glen Hansard), Sleepless Nights (Boudleaux Bryant, Felice Bryant, w/ Glen Hansard), Falling Slowly (Hansard, Irglová, w/ Glen Hansard), Open All Night (Bruce Springsteen), The End, Arc
Encore 2: Hard Sun (Peterson, w/ Glen Hansard)

Setlist: Sometimes, Picture In A Frame (Tom Waits), Just Breathe, Thumbing My Way, Can’t Keep, Without You, Satellite, You’re True, Driftin’, Unthought Known, No Ceiling, Far Behind, Guaranteed, Rise, Long Nights (w/ Glen Hansard), Man Of The Hour, Masters Of War (Bob Dylan), Porch
Encore 1: I’m One (The Who), Parting Ways, Society (Jerry Hannan, w/ Glen Hansard), Sleepless Nights (Boudleaux Bryant, Felice Bryant, w/ Glen Hansard), Falling Slowly (Hansard, Irglová, w/ Glen Hansard), Throw Your Arms Around Me (Hunters & Collectors, w/ Neil Finn), Blue, Red and Grey (The Who, w/ Roger Daltrey), Naked Eye (The Who, w/ Roger Daltrey)
Encore 2: Hard Sun (Peterson, w/ Neil Finn, Elroy Finn, Myles Robinson, Glen Hansard and others), So You Want To Be A Rock And Roll Star (The Byrds, w/ Neil Finn, Elroy Finn, Glen Hansard, Miles Robinson), Dream A Little Dream (Gus Kahn, Wilbur Schwandt, Fabian Andree)

Blue, Red And Grey

Glen Hansard setlist (solo le canzoni con Eddie Vedder): Drive All Night (Bruce Springsteen) Setlist: Can’t Keep, Without You, Soon Forget, Elderly Woman Behind The Counter In A Small Town, I Am Mine, Brian Damage (Roger Waters), Sometimes, You’ve Got To Hide Your Love Away (Beatles), Just Breathe, Setting Forth, Far Behind, Guaranteed, Rise, Better Man, Wishlist, Immortality, Lukin, Porch
Encore 1: Unthought Known, Society (Jerry Hannan, w/ Glen Hansard), Sleepless Nights (Boudleaux Bryant, Felice Bryant, w/ Glen Hansard), Falling Slowly (Hansard, Irglová, w/ Glen Hansard), Open All Night (Bruce Springsteen), Arc
Encore 2: Hard Sun (Peterson, w/ Glen Hansard), Rockin’ In The Free World (Neil Young)

 

Drive All Night

 

 

 

 

 

 

 

 

3 Agosto 1991

Il giorno dopo la pubblicazione negli Stati Uniti del singolo di Alive, i Pearl Jam tornano al RKCNDY per girare, durante un concerto, il video in bianco e nero della canzone. Il regista è Josh Taft, amico di lunga data di Stone Gossard. Al posto di fare il playback su una base registrata, la band insiste per incidere la traccia audio dal vivo: all’epoca si trattava di una novità per MTV. Il clip cattura l’energia sfrenata delle prime esibizioni della band, il pubblico che fa stage diving e Vedder appeso a testa in giù alle travi dell’impianto luci. Più tardi, durante lo show, ha luogo una piccola reunion dei Temple Of The Dog: Cornell canta Reach Down e Pushin’ Forward Back. Il video di Alive uscirà in Settembre di quell’anno.

Dave Grohl: Mi sono trasferito in zona nel 1990, per cui mi sono perso Green River, Mother Love Bone e altre leggendarie band di Seattle attive prima del boom.Ma ricordo la prima volta che ho sentito i Pearl Jam. Vivevo a West Seattle. Ero nel mio Van, diretto a un 7-eleven quando in radio è passata Alive. E’ divertente, perché prima di scoprire di chi era il pezzo, mi immaginavo dei ciccioni con i capelli lunghi. E’ la prima cosa a cui ho pensato. Li immaginavo simili ai Poison Idea o ai Cannet Heat. Non so perché. Forse perché mi sembrava Classic Rock. Non era Punk-rock: era il sound di una rock ‘n’ roll band. Accadeva prima che Nevermind uscisse. Poco prima dell’esplosione.

Matt Cameron: Doveva essere un solo video, ma per ogni evenienza filmarono l’intero show. Avevano un grande seguito a Seattle, per via dei trascorsi dei membri del gruppo. E poi il RKCNDY non era così grande. Era gremito di gente del posto, ubriaca e allegra.

Unthought known

Il 20 Luglio 2010 esce il video di Unthought known. E’ stato ripreso con un Mac portatile dal palco durante il concerto del 30 Giugno a Berlino. Eddie Vedder, nascosto dietro lo pseudonimo Wes C. Addle, è accreditato come regista, mentre il concept è attribuito a Neil Young, con il  nome di Bernard Shakey.

18-19 Luglio 1992 – Lollapalooza

I Pearl Jam ripartono dalla seconda edizione del festival Lollapalooza al fianco di Soundgarden, Ministry, Ice Cube, Red Hot Chili Peppers, Lush, Jim Rose Circus Sideshow e Jesus And Mary Chain. Per molti teenagers, non è solo la prima occasione per vedere i Pearl Jam dal vivo, ma la prima esperienza a un festival per la band. I PJ regalano una performance elettrizzante, di grande impatto. Esibendosi ogni giorno per secondi, i Pearl Jam hanno la possibilità di godersi i concerti degli altri musicisti e divertirsi insieme a loro. In particolare, Vedder lega con Jim Rose, salendo spesso sul palco per partecipare  a bevute di Bile Beer. Lui e Chris Cornell suonano anche set acustici a sorpresa sul palco secondario: il 29 Luglio, nel corso di uno show funestato dalla pioggia a Cuyahoga Falls, in Ohio, si uniscono ai fans divertendosi a fare scivolate sul prato infangato.

Vedder continua a scioccare il pubblico con i suoi bizzarri numeri di stage climbing, , ma dopo un brusco atterraggio durante uno show in Ontario, si darà una calmata.

Eddie Vedder: Quando suonavamo per un pubblico che non ci aveva mai visti prima, dicevo “Sapete una cosa? Offriremo a questa gente uno spettacolo indimenticabile. E se questo significherà rischiare la vita per una bravata adolescenziale in stile Evel Knievel, lo faremo”. E incredibilmente, se facevi una cosa di quel tipo la gente prestava attenzione. Facevo finta di saltare da una parte, poi all’ultimo momento cambiavo traiettoria e vedevo la folla ondeggiare e spostarsi in massa per prendermi al volo.

Jeff Ament: Un paio di settimane prima del tour c’era l’opportunità di rinegoziare non solo il compenso, ma anche la posizione in scaletta. Ci siamo detti “Perché aggiungere altra pressione? Vogliamo solo divertirci”. Al Jourgensen dei Ministry se ne andava in giro con una bottiglia di Bourbon Maker’s Mark con dentro dieci dosi di acido. E’ stata una pacchia. Alle due del pomeriggio eravamo super concentrati, salivamo sul palco, spaccavamo per una trentina di minuti e poi ci univamo alla festa. Dubito che ci sia stato un altro tour in cui ci siamo divertiti tanto. I nostri show erano decisamente coinvolgenti, e poi nel giro di un’ora mi ritrovavo a giocare a basket con Flea e Ice Cube. C’era un’atmosfera festosa, senza alcuna competizione.

Matt Cameron (ai tempi, nei Soundgarden): Ci siamo resi conto di come la gente reagiva alla musica dei Pearl Jam. E’ stato fantastico.

Chris Cornell: Credo che sia stato uno dei tour più belli della mia carriera, si era creata una forte unione. Ritrovati gli stessi amici con cui eri cresciuto e insieme ai quali avevi suonato per anni di fronte a quattro gatti; solo che adesso c’erano 25000 persone per volta. Aveva anche un significato culturale. Non si trattava di avere il proprio singolo trasmesso in radio. Era in atto un cambiamento nel modo di concepire la musica rock. Un evento fenomenale.

Una rara ripresa durante il soundcheck di quei giorni:

Copenhagen 10 Luglio 2012

Ed talks about the death of Dennis Flemion of the band The Frogs. They had toured with Pearl Jam. A note Dennis left in Ed’s notebook inspired some lyrics for the song “Smile”. Ed says “The song says ‘I miss you already’ and Dennis, we really miss you.”

Nella foto Dennis Flemion.

Qui, la notizia della sua scomparsa.